Come sono diventata blogger?

Eleonora Tramonti - Consulenze di marketing

La mia personale esperienza

Io sono diventata blogger davvero per caso.

Se me lo avessero detto tanto tempo fa, la mia reazione sarebbe stata una fragorosa risata. Ci è voluto fino alla maturità per prendere un voto degno di questo nome. In italiano non ho mai preso più del 6 e per me, che divoravo libri di qualunque genere, non riuscire a migliorare i miei voti era quasi una sconfitta.

In realtà non era tutta colpa mia. Alle elementari non ci esercitavamo abbastanza; alle medie, pur sapendo le mie lacune, le professoresse non mi hanno mai aiutata; alle superiori ti devi ormai arrangiare. Io avevo perso le speranze.

È stato il web a migliorare la mia scrittura. Sì, perché il mio problema era la costruzione di periodi troppo lunghi con cui volevo esprimere miliardi di concetti senza mai mettere un punto. Il web mi ha obbligata a metterli sti benedetti punti; a formulare un pensiero usando un soggetto, un verbo, un complemento e stop; a dire con una frase ciò che prima sviluppavo in 10 (senza punto, ovviamente!).

Dal turismo al web

Chi è il travel blogger
Eccomi nel 2011 in qualità di blogger all’evento di Ceglie Food Camp organizzato dal Comune di Ceglie Messapica

Come dicevo all’inizio, se mi avessero detto che un giorno sarei diventata una blogger, io non ci avrei creduto. Il mio sogno nel cassetto era un altro (e lo è tuttora): vendere viaggi. Per questo ho studiato e mi sono laureata.

Tuttavia è proprio lavorando per un’agenzia viaggi che mi sono ritrovata ad avere a che fare con il web. Era il 2009. Facebook stava iniziando a diffondersi capillarmente. I blog erano un mondo a me sconosciuto. Le ricerche in rete spesso non restituivano ciò che si stava cercando. Nei tempi di internet è quasi un secolo fa.

Per conto dell’agenzia viaggi aggiornavo il sito web e la pagina fan di Facebook, ma a me non bastava. È così che ho preso la qualifica in “Tecnico dell’informazione web 2.0”.

Il mio primo blog

Mentre seguivo il corso la mia esperienza in agenzia viaggi terminò. Col senno di poi fu un bene per me, perché così trovai lavoro come responsabile marketing in un hotel. Avevo, però, voglia di mettere subito in pratica ciò che avevo imparato durante il corso e così aprii il mio primo blog assieme ad una compagna di corso.

All’epoca (era il 2010) si iniziavano a vedere i primi blog in una veste diversa da come erano stati concepiti in principio: non più solo diari personali, ma contenitori tematici. Dall’estero iniziavano ad arrivare notizie di blogger che guadagnavano attraverso il proprio blog. Il boom dei blog e dei blogger stava per arrivare. Nel frattempo avevo aperto il mio primo blog, sul turismo naturalmente. Avevo individuato una nicchia: l’informazione tecnica per chi viaggia, relativa a documenti, condizioni di trasporto, ecc.

Il mio primo blog è stata la mia scuola sul campo. Allora non esistevano corsi su come fare un blog o come diventare blogger. Potevi imparare solo leggendo gli articoli di esperti del settore, cercando di mettere in pratica i loro consigli e sperimentando con un approccio di “prova ed errore”.

E oggi?

Dalla prima volta che ho messo online un blog sono passati esattamente 7 anni.

Nel frattempo ne ho aperti altri 4 (Elettrixweb, Letuenotiziediviaggio.it, Italian Storytellers, Pink Mojito Magazine), abbandonato il primo e gestito blog per diversi clienti. Ho all’attivo più di 700 articoli, sia in italiano sia in lingua inglese (anche questo incredibile per me!).

Molti mi vedono come un punto di riferimento nell’ambito del blogging, soprattutto quando si tratta di problemi tecnici o legati all’ottimizzazione in ottica SEO. Quello che so lo devo tutto alla mia voglia di fare, di scoprire e di migliorarmi sempre più, nonché alle mie competenze nell’ambito del marketing e della comunicazione.

Credo che essere blogger oggi non sia più così semplice come quando ho iniziato io. È talmente facile aprire un blog che in tanti lo hanno fatto, soprattutto accecati dall’idea che si possano ottenere guadagni facili, ma per ottenere dei risultati devi saperci fare.

Diventare Blogger Di Successo
Foto del tour “Verona Garda” in mezzo a famosi blogger stranieri

Per diventare blogger devi avere competenze diverse e le ho riassunte in due articoli: “I 10 comandamenti per un blogger di successo” #1 e #2. Ci vuole tanto duro lavoro unito a costante studio. Non solo. Devi poi mettere in pratica tutto ciò che impari e capire quali risultati puoi ottenere, perché online ciò che può andare bene per il mio blog potrebbe non portare risultati per il tuo. Ci vuole, infine, tanta analisi e tanto monitoraggio di tutte le azioni messe in atto.

Un consiglio

Se vuoi diventare blogger, fallo. Ricordati che ci devi credere tanto perché presto ti scontrerai con la dura realtà del web, che non è quella che tu conosci. Non credere ai facili successi, perché dietro può esserci un castello di carte pronto a cadere o considerevoli investimenti. Vedrai che la passione ad un certo punto non ti basterà più. Ci sono passati tutti, quindi fidati arriverà questo momento anche per te. Finirai per chiederti cosa ti spinge a mantenere in vita il tuo blog, quando i tuoi guadagni rasenteranno lo zero.

Il mio consiglio è di lavorare con costanza e dedizione, perché se ti poni un obiettivo e lo persegui prima o poi lo raggiungi. Tieniti sempre aggiornato e rimani al passo con i tempi. Cerca di guardare oltre il tuo naso o la tua cerchia (… di concorrenti). Impara dai più grandi e fai domande.

Il web e i suoi strumenti sono in continua evoluzione e dovrai esserlo anche tu, se vuoi avere successo nel mondo del blogging.

Lascia un commento