La prima giornata al WHR 2011

whr logo 2011

Ecco per te il resoconto della 1° giornata al WHR 2011

Finalmente il WHR è arrivato!

Un evento che raccoglie albergatori, direttori, revenue manager, marketing manager e consulenti in 3 giornate veramente non-stop.

Dopo la registrazione tutti nella Main Hall per ascoltare l’introduzione di Franco Grasso. La sala era gremita di gente, tanto che molti sono rimasti in piedi.

Io mi sono seduta al tavolo Press/Blog e mi sono aggregata al twettaggio a manetta.

Dopo il video introduttivo dalla musica “fichissima” (come da me definito in un tweet), Franco Grasso comincia a sfornare numeri, battute e massime.

“Revenue è statistica e non casistica”, “Il revenue è per tutti e di tutti”, “Ci sono direttori che se se ne andassero sarebbe il disastro e altri che nessuno se ne accorgerebbe”.

Prima volta che lo vedo di persona e mi ha fatto una buona impressione, ma come sempre i consulenti parlano, parlano, parlano… poi bisogna mettere in pratica.

Poi come da tabella di marcia mi sono spostata nel WHR Lab dove Antonello Maresca parlava di Come creare una Social media dashboard. Minuti impiegati bene! Ha spiegato come monitorare attraverso strumenti gratuiti ciò che si dice sul web di un’azienda. Ha proposto Netvibes e devo dire che mi è sembrato abbastanza interessante come strumento.

Non sono riuscita a seguire l’intervento fino alla fine perché alle 12.30 c’era l’intervento dal titolo “Ripartire dall’analisi dei dati per conoscere i tuoi costi e definire le migliori strategie”. Era tenuto da Donato Colamartino di MICROS-Fidelio. Devo dire veramente interessante: ha spiegato come gestire le informazioni per migliorare il revenue in hotel.

Dopo la pausa pranzo mi aspettava l’intervento di Gestionealbergo, che potevo anche risparmiarmi di sentire… cioè non l’ho proprio ascoltato. Partire dalla Teoria di Eulero per spiegare Facebook… un po’ eccessivo.

Alle 15.45 tutti al Whr Lab per ascoltare Muse Comunicazione. E se dico tutti intendo tutti! Una sala troppo piccola per il numero di partecipanti, tanto da dover mettere una ventina di sedie fuori e, con il brusio delle persone che chiacchieravano, era impossibile ugualmente partecipare all’evento.

Mi sposto nell’Advanced Room per seguire Ugo Brusegan. Io e Robi Veltroni ad alcune sue uscite ci guardavamo sbalorditi. Come si fa a dire che se non hai una buona reputazione su Tripadvisor non devi aprire una pagina fan? Come si fa a dire che il sito web di un hotel deve essere integrato con i profili social, in modo tale che pubblicando un’offerta sul proprio sito venga “sparata su tutti i social all’istante”?

Beh voglio augurarmi che nessuno degli albergatori in sala abbia la malaugurata idea di seguire i suoi consigli. Lo dico per il loro bene.

Ultimo appuntamento della giornata: “Massimizzare il direct booking” tenuto da Alberto Guadalupi di Vertical Booking. Anche questo di una noia mortale dove di Vertical non veniva detto quasi niente.

Se cerchi un altro punto di vista della giornata puoi leggere il post di Robi Veltroni.

Lascia un commento